Fatta saltare in vita

Leggo sul sito dell’ansa che in Siria una bambina di 8 anni è stata fatta saltare, in un attentato, con una carica esplosiva in vita.

Mi accorgo, dolorosamente, che «in vita» ha due significati.

Fatta saltare. In vita.

Posted in General | Tagged , , , | Leave a comment

La preparazione del viaggio

camminante_2.jpg

Non sto andando da nessuna parte, a meno che non stiate pensando alle vacanze di Natale.

Io sto pensando al viaggio che sogno, «fare l’Italia a piedi», come ho scritto da qualche altra parte, anche se poi mi arrendo alla prosa delle solite giornate, e chissà se se ne farà mai qualcosa.

Ma realtà o sogno, sarebbe bellissimo percorrere l’Italia a piedi, nel senso della latitudine, dalla Sicilia alle Alpi, e poi, longitudinalmente, dalla Liguria al Friuli.

Bisognerebbe trovare:

  1. Il tempo e la voglia di documentarsi (i luoghi, gli itinerari);
  2. Il tempo di andare;
  3. Qualche rivista che finanzi il viaggio, in cambio del resoconto da pubblicare a puntate;
  4. Che posto dare alla Sardegna, che sarebbe assurdo escludere dal viaggio.

E poi mi viene in mente Paolo Rumiz, che a piedi ha fatto la via Appia, da Roma a Brindisi, e ha raccontato il viaggio nel bel libro «Appia».

E mi vengono in mente i cani, che spesso mi fanno paura. E le macchine lanciate a sfiorarti, se appena sbagli il percorso.

E diventa facile smarrire la voglia di andare.

Posted in Camminante | Tagged , , , | Leave a comment

Assurdo che vogliate

DSC00125

Un mondo simpaticamente fondato sul profitto delle imprese, delle banche, dei fondi di investimento chiede di cambiare la Costituzionele regole del gioco – a un popolo (o a un insieme di individui) sempre più convinto che non ci sia problema nel fatto che lo Stato rinunci alle proprie prerogative nel regolare e nell’organizzare, come se per il cittadino potesse essere positivo affidare i servizi di base, dalla sanità all’istruzione, a mani mercenarie, istituti privati, aziende.

Assurdo che vogliate il nostro benestare
per la finanziarizzazione della vita,
assurdo che vogliate questa vita
fatta di passeggiate in centri commerciali.

La riforma costituzionale, ci dicono, dovrebbe rendere più moderno il Paese, consentendo al governo di decidere più in fretta.

Il problema, a me sembra, è il modello di riferimento, di questo esecutivo, come di qualunque governo dei decenni passati e – temo proprio – di quelli a venire. Di liberismo si muore: morire più in fretta è un vantaggio? Io scelgo di difendere la natura parlamentare della nostra Repubblica, la possibilità di prendersi il tempo necessario a riflettere, il non voler decidere da soli, calando dall’alto del proprio scranno decisioni con cui faranno i conti i cittadini.

Chiedere alle vetrine la stagione, il tempo,
vegliare l’anno al caldo artificiale, al freddo
delle bocche di condizionamento,
tenere fuori il vento, la luce naturale.

Il 4 dicembre voterò NO (#1).

Posted in Orwell (fascismi, sessismi, controllo, censura), Piazzetta della cittadinanza attiva | Tagged , , , , | Leave a comment

Mi piacerebbe, ma lo stagno inghiotte

dsc09949

Perché, direte, questa? Qual è il significato? E perché no, del resto?
Quale significato?

Mi piacerebbe, ma lo stagno inghiotte

«Vorresti accompagnarmi per il bagno?»

Mi piacerebbe, ma lo stagno inghiotte.
Conosco gente morta dentro al fango
per essersi tuffata da incosciente,
come se le avvertenze dei cartelli
non fossero evidenti.

Ma tu che ci vai a fare?
Non temi che lo stagno ti risucchi
e ti costringa a vivere di sotto,
insieme ai rospi, ammesso che quei rospi
che sento gracidare siano sotto?

E forse non c’è vita sotto il fango.

[Mario Badino, 17 novembre 2016]

Posted in Poesie | Tagged , , | Leave a comment

Il meno peggio

comandamenti_chagall

Ma come, eleggono Trump e te la prendi con Obama?

potreste dirmi, leggendo la mia poesia Non mi si chieda il pianto greco, nella quale metto in evidenza una cosa: a volte è la mancanza di un’alternativa accettabile a spiegare certe scelte elettorali (sconsiderate, ci mancherebbe!), e a volte chi viene celebrato dai media come affidabile, se non come moderato, è a sua volta responsabile di scelte piene di conseguenze per l’umanità, come le varie guerre promosse dagli Usa negli 8 anni di governo del presidente «premio nobel per la pace», quello che ancora oggi, alla fine del secondo mandato, molti considerano un grande presidente.

È ovvio che Donald Trump non gode della mia stima: il suo disprezzo per il welfare, l’atteggiamento verso gli immigrati, l’idea che bisogna tagliare le tasse ai ricchi, il sessismo a più riprese manifestato (ma è sessismo anche prendersela con sua moglie – lo dico ai tanti che difendono le donne sui social e poi si lasciano andare a commenti di basso tenore sulla futura first lady), l’avere iniziato a riempire la possibile squadra di governo di lobbisti di Wall Street e delle multinazionali – tantissime cose rendono Trump un avversario o, meglio, se l’espressione non dispiace, un nemico di classe.

È anche ovvio (o dovrebbe esserlo) che non c’è grande differenza tra il dire una cosa e poi non farla e il negare il problema dal principio. La presente amministrazione ha dichiarato di voler lottare contro il riscaldamento del pianeta, ma non è andata contro le grandi industrie per farlo; Trump non crede alla gravità della situazione. Qual è la differenza pratica? Obama ha dichiarato che le colonie illegali di Israele nei Territori palestinesi sono un ostacolo per il processo di pace ma poi non ha mosso un dito per costringere Israele a sgombrare i coloni; Trump ha dichiarato che le colonie sono legali e non costituiscono un ostacolo per il processo di pace. Differenze?

Insomma, me la sono presa con il prima, anche se ammetto che ci sono grosse incognite sul dopo, per evidenziare come certe politiche siano già inaccettabili; con Trump cambia il modo di infiocchettare il regalo, ma in tanti casi il contenuto della scatola non cambia.

Ammettendo che Hillary Clinton, segretario di stato con Obama e, nella percezione di molti elettori, vera e propria emanazione di Wall Street, se eletta presidente avrebbe continuato, almeno in parte, l’attuale linea politica degli Stati Uniti, a me sembra chiaro che per molti il problema principale è stata la mancanza di un candidato alternativo credibile. Il che, nel sistema americano, si riduce al fatto che solo i candidati dei due partiti principali sono presi in considerazione dalla maggior parte dell’elettorato, indipendentemente dalle loro posizioni o dalle eventuali capacità di un terzo candidato.

Né si capisce per cosa protestino le migliaia di persone che da giorni scendono in piazza urlando che Trump non è il loro presidente, che se ne deve andare. Pensano forse di ottenere che le elezioni siano invalidate? Qual è l’obiettivo delle manifestazioni? Sarebbe più logico lottare per un sistema elettorale diverso, capace di permettere una scelta vera.

Anche in Italia, dall’introduzione del maggioritario in poi, con l’aggiunta di quote di sbarramento e premi di maggioranza, si è perseguita la linea della “semplificazione”. Si è giunti cioè a due, massimo tre schieramenti che ambiscono a rappresentare l’intero Paese in Parlamento. Non c’è più spazio per le differenze, le sfumature, e i candidati si assomigliano tutti, quantomeno per la loro accettazione delle “regole del gioco” in economia (il mercato, le ricette della Banca Centrale Europea, dell’Ue o del Fondo Monetario Internazionale) e in politica estera (la Nato, l’alleanza-cooperazione con lo Stato di Israele).

Chi criticasse queste idee alla radice dove potrebbe trovare un’alternativa politica? Di certo non nelle forze oggi presenti in Parlamento. Occorrerebbe dunque riorientare la propria azione politica e sociale al di fuori delle vie istituzionali o, quantomeno, senza puntare tutto su accordi pre-elettorali finalizzati a tornare “in qualche modo” in Parlamento. Lo dico alla sinistrase esistesse ancora una sinistra credibile, e forse da qualche parte, nascosta, sopravvive – lo dico a quelli che ancora sono convinti che le persone e i loro diritti vengono prima dei soldi, lo dico agli americani spaventati da Trump dopo averlo eletto.

L’idea che va combattuta è quella che, siccome non c’è alternativa, non ci sia alternativa. Le alternative vanno costruite, ecco tutto.

>>> Nella foto, un candidato mentre riceve l’investitura elettorale.

Posted in Orwell (fascismi, sessismi, controllo, censura) | Tagged , , , , | Leave a comment

Non mi si chieda il pianto greco

cropped-panni_stesi.jpg

Non mi si chieda il pianto greco:
gli accordi che ricordo sono pochi.
Ora, va bene il La minore,
e scendere e salire sulle corde,
ma non mi va di unirmi al triste coro
che mette mano alla tastiera
ad ogni nuovo presidente eletto;
non era mica santo il vecchio:
teneva le due mani sui bottoni,
e comandava i droni con un dito,
seduto nella stanza dei bottoni.

Aveva più eleganza, certamente,
e un nobel per la pace sul ripiano,
tra la finestra e il caminetto;
fuori la moglie coltivava l’orto
per preparare gli spaghetti al sugo
coi pomodori del suo orto.
Poi, tutti i giorni, si piangeva il morto
morto lontano, nel vicino Oriente,
dove le bombe portano la pace.

Ora è cambiato presidente: pace,
ma avremo sempre bombe da sganciare
e piangeremo ancora le notizie:
per questo Dio ci ha dato le faccine
da mettere nei post come commento.
Con una lacrima, commento
l’Iraq, la Siria, i rifugiati,
l’ennesimo omicidio in Palestina,
dove i coloni non sono un problema
che possa ostacolare i negoziati.

Il nuovo presidente mi fa schifo,
il vecchio presidente pure.

[Mario Badino, notte tra il 10 e l’11 novembre 2016]

Posted in Orwell (fascismi, sessismi, controllo, censura), Poesie | Tagged , , , , , | Leave a comment

Invasione, invasione!

camminante_2.jpg

Succede di leggere di 239 persone disperse dopo il naufragio di un barcone al largo delle coste libiche (3 novembre) e di faticare a trovare la notizia nei siti di “informazione”.

Succede che l’ordine delle notizie importanti sia dettato da altre considerazioni, tipo l’incidenza di un convegno sulla tenuta del governo o sul voto del 4 dicembre.

Succede che ci stiamo abituando al naufragio, tanto dei «migranti» (immigrati, stranieri, rifugiati… loro, insomma: gli altri da noi) quanto di quei valori che avevano fatto dell’occidente un bel posto in cui vivere.

Per ragioni personali, chi scrive si muove sulla diagonale d’Italia sud-est/nord-ovest, tra la Puglia e la Valle d’Aosta. Questo sabato, 5 novembre, il giornale di notizie online MesagneSera ha pubblicato una breve di tre (tre!) righe nella quale si annuncia il possibile arrivo di migranti a Mesagne (Brindisi).

Secondo il sito, che però usa il condizionale, «ne dovrebbero arrivare 37». Titolo dell’articolo: «Migranti in arrivo, cresce la tensione», quasi che per le vie della città fossero in preparazione le barricate, come a Goro e Gorino. E immediatamente su Facebook, sotto il link all’articolo, spunta un commento in cui proprio le barricate si invocano, «come hanno fatto in diversi paesi in Italia».

In Valle d’Aosta, invece, la mattina di domenica 6 è arrivata una trentina di richiedenti asilo proveniente dall’Iraq. Il sito di informazione AostaSera, in un articolo assolutamente equilibrato, rileva come per la prima volta (la prima per la Valle) il gruppo sia «composto anche da nuclei famigliari, includendo quindi donne e bambini».

Anche in questo caso la notizia viene accolta su Facebook da commenti di tenore opposto, con messaggi di benvenuto, ma anche di insofferenza, egoismo, rifiuto. E anche in questo caso si punta il dito con chi non viene per lavorare, ma per rubare o vivere a spese dello Stato, e si guarda con favore alle barricate della provincia di Ferrara.

Insomma, da un lato il battere ossessivo su loro che non lavorano e restano tutto il giorno senza far niente, a differenza degli italiani che sono emigrati ed emigrano per lavorare, ignorando probabilmente che è la legge italiana a impedire ai richiedenti asilo di svolgere attività lavorative per i primi sei mesi di permanenza, in attesa che la richiesta sia esaminata.

Dall’altro lato, l’assoluta incapacità da parte di persone che si sentono più fragili e impoverite rispetto a qualche anno fa di individuare i veri responsabili della situazione, fino a proporre le barricate per fermare, nel nome della nazionalità, gente ancora più disgraziata e bisognosa di loro. Il tutto senza smettere di credere alle ricette miracolose dei soliti noti, quelli, per intenderci, che hanno causato la crisi economica, tutte le ultime guerre, l’Isis e chi più ne ha più ne metta.

Di fronte a un sistema che non garantisce felicità, pace e benessere agli abitanti del pianeta, né quelli dei Paesi ricchi, né tantomeno quelli dei Paesi poveri, invece di invocare il filo spinato e i muri dovremmo provare a immaginare un nuovo modello economico e sociale. E poi applicarlo, in barba all’economia ufficiale che mette gli esseri umani gli uni contro gli altri, nel nome del profitto.

Posted in Orwell (fascismi, sessismi, controllo, censura) | Tagged , , , , , , | Leave a comment