Cumuli di rifiuti comparsi in campagna, accanto al Canale Reale

Opublikowany przez Paolo Summa na 15 lutego 2017

 

«Il Canale Reale», recita Wikipedia, «è uno dei rari corsi d’acqua presenti tra il Salento e la bassa Murgia. È lungo 48 chilometri; la sua sorgente, situata nel territorio del comune di Villa Castelli, è circondata da un canneto che la rende di non facile accesso; dopo aver attraversato quasi longitudinalmente la provincia di Brindisi, raggiunge il mar Adriatico in località Iazzo San Giovanni, nei pressi dell’oasi naturalistica di Torre Guaceto».

Il Canale Reale è naturalmente anche un «luogo storico e punto di interesse», secondo la pagina che lo rappresenta su Facebook.

Ed è certo che, a voler fare bene le cose, il Canale Reale sarebbe una carta importante da giocare in un progetto di rivalutazione complessiva della campagna in provincia di Brindisi, dove si potrebbero creare, con pochissimo sforzo, itinerari escursionistici a piedi, in bicicletta o a cavallo, attraverso i campi e gli uliveti, coinvolgendo le masserie e i comuni della zona, in genere piccoli, ma dotati di centri storici significativi.

I 48 chilometri del canale potrebbero essere allora una delle direttrici di marcia, attraverso la campagna e fino all’Adriatico, fino alla riserva naturale di Torre Guaceto.

Può rallegrare dunque che si proceda a lavori di bonifica del canale, come è successo nei giorni scorsi nell’area di Mesagne, mi dicono a cura dell’ARNEO. Può rallegrare finché non ci si accorge che, negli stessi giorni, cumuli di rifiuti, comprendenti amianto e carcasse di animali, sono stati abbandonati lungo le sponde del canale.

Si tratta dei rifiuti prima adagiati sul fondo del canale? Per quanto una simile evenienza abbia dell’incredibile, l’improvvisa comparsa in coincidenza con i lavori lascia pensare di sì. In ogni caso i rifiuti ci sono e occorre appurare le responsabilità, ma soprattutto bonificare l’area, prima che le piogge o i lavori di aratura provedano a complicare la situazione, contribuendo all’inquinamento del suolo.

Bisogna inoltre evitare che l’accaduto passi sotto silenzio. Invito perciò tutte e tutti a diffondere il materiale fotografico pubblicato in questo articolo, riferito al tratto del Canale Reale situato verso il terzo chilometro della strada provinciale che collega Mesagne a S.Vito dei Normanni. Le foto sono state scattate nella mattina del 15 febbraio 2017.

Chi può, verifichi la situazione con i propri occhi e, nel caso, provveda a denunciare l’accaduto presso gli uffici comunali e le forze dell’ordine.

>>> Cliccate sulle immagini per ingrandirle.

     

This entry was posted in Piazzetta della cittadinanza attiva, Strane cose accadono in Italia and tagged , , , , . Bookmark the permalink.