E così in Valle d’Aosta si vota (1)

logo_io_voto_libero_portale.jpgPrima puntata di una serie finalizzata a fornire argomenti sui quali riflettere in vista delle prossime elezioni regionali. Stimoli per chiunque voglia coglierli, e magari portare come domanda nei tanti appuntamenti pre-elettorali.

Domenica 26 maggio nella mia regione – la Valle d’Aostasi vota per il rinnovo del Consiglio regionale e della Giunta. Nell’attesa mi propongo di illustrare, come posso, la situazione particolare di una regione spesso sconosciuta al resto del Paese. Piccola, ricca, ma con forti ineguaglianze economiche, caratterizzata dagli sprechi e governata da decenni sempre dallo stesso partito, l’Union Valdôtaine.

Si converrà forse sul fatto che è molto difficile che una forza politica resti al potere così a lungo senza subire la tentazione di costruire clientele e voti di scambio, ma in proposito mi limito a registrare le tanti voci udite, voci di promesse e minaccead esempio in occasione del referendum sul pirogassificatore, lo scorso novembre.

Più documentato di me è il blog Patuasia che, in una serie di meritori articoli a firma di Roberto Mancini, riporta lettere intimidatorie, intercettazioni e sentenze della magistratura per mostrare a chi proprio non vorrebbe crederci lo stato avanzato dell’infiltrazione della ‘ndrangheta nella nostra regione.

Linko di seguito le varie puntate dell’inchiesta, che invito a leggere, soprattutto in vista delle prossime elezioni regionali – e di quella campagna elettorale durante la quale il semplice cittadino può e deve intervenire ponendo domande scomode ai candidati e chiedendo conto di tutto ciò che non va.

Perché è certo che uno stadio avanzato di infiltrazione della criminalità organizzata come quello che emerge dagli articoli pubblicati su Patuasia presuppone, se non la diretta complicità delle locali forze di governo, almeno almeno un’insufficiente politica di contrasto del fenomeno. E quando il partito al governo è sempre lo stesso è anche facile capire a chi chiedere spiegazioni di ciò che sta accadendo.

La ‘ndrangheta made in VdA (1a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (2a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (3a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (4a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (5a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (6a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (7a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (8a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (9a puntata)
La ‘ndrangheta made in VdA (10a puntata)

1- Continua.

Questa voce è stata pubblicata in Le Colonne d'Ercole (di Pont-St-Martin), Orwell (fascismi, sessismi, controllo, censura), Piazzetta della cittadinanza attiva e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a E così in Valle d’Aosta si vota (1)

  1. Pingback: Lettera aperta a Ingroia | Patuasia News

I commenti sono chiusi.